Osservatorio Economia Circolare

APPROFONDIMENTI

Una fonte inesauribile di approfondimenti e articoli scientifici sull’economia circolare.

pnrr
Approfondimenti

2,6 miliardi di euro per finanziare i progetti del pnrr

on
Gennaio 24, 2022

Pubblicati il 15 ottobre 2021 sette bandi per il pnrr, lo sviluppo dell’economia circolare, che destano dubbi e perplessità.

Nell’ottobre dell’anno appena trascorso, il Ministero della transizione ecologica (Mite) ha pubblicato gli avvisi per la presentazione delle proposte finalizzate a ottenere i fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) dedicati all’economia circolare e da portare a termine entro il 30 giugno 2026.

Sette i bandi emanati in totale: 3 per potenziare differenziata, riciclo e trattamento di rifiuti e altri 4 per finanziare progetti legati al riutilizzo riciclo di Rifiuti elettrici ed elettronici, carta e cartone, plastica e tessile per un totale di 2,6 miliardi di euro complessivi.

1,5 miliardi di euro saranno stanziati con l’investimento 1.1 della Missione 2, Componente 1 (M2C1); 600 milioni vanno all’attuazione dell’investimento 1.2 della M2C1 relativa ai progetti faro, sulle filiere di carta e cartone, pastiche, rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche e tessili; 500 milioni saranno stanziati dall’investimento 1.1 della Missione 2, Componente 4, M2C4.

Le misure puntano, quindi, allo sviluppo dell’economia circolare secondo i criteri guida del piano europeo d’azione con l’obiettivo di raggiungere i target europei di riciclo fissati dalla normativa comunitaria (che prevede almeno il 10% dei rifiuti finisca in discarica e che il 65% venga riciclato).

In una nota del ministro Roberto Cingolani si mette in evidenzia come bisogna migliorare sia la quantità che la qualità di quello che viene raccolto e l’introduzione di nuove tecnologie che faciliterà la raccolta per i cittadini.

Particolare attenzione negli investimenti che riguardano la frazione organica che oggi costituiscono il 30% circa di tutta la produzione di rifiuti e che dovrà essere valorizzata per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di riciclo e di decarbornizazzione.

Destinatari dei finanziamenti sono gli Egato Operativi, ovvero enti di governo d’ambito in attività; in assenza di questi i soggetti destinatari sono i Comuni, i quali possono operare individualmente o in collaborazione tra loro.

Dalla data della pubblicazione del bando, quini dal 15 ottobre 2021, le proposte di intervento per accedere ai fondi si possono presentare entro 120 giorni.

Cosa è il “gruppo di lavoro supporto attuazione pnrr”?

Oltre ai 7 bandi, il ministero della transazione ecologica ha presentato il decreto che istituisce il “Gruppo di lavoro Supporto attuazione Pnrr”: le funzioni di quest’organismo sono quelle di monitorare lo stato di realizzazione degli interventi di competenza e proporre eventuali correttivi. Si tratta di un ente molto importante poichè i soldi del NextGeneration EU dovranno essere rendicontati all’Unione Europea e dovranno essere utilizzati entro il 2026.

Da ottobre ad oggi, sono emersi dubbi e preoccupazioni relativi ai bandi da un punto di vista della burocrazia, circa i tempi rapidi della presentazione dei progetti, una perplessità condivisa da molti all’interno del settore poichè bisogna scegliere in maniera corretta fare la scelta giusta per un qualcosa che porterà benefici a lunga durata.

TAGS

LEAVE A COMMENT